Verucchio, la ‘culla’ dei Malatesta

Verucchio, la ‘culla’ dei Malatesta

Oggi ci spostiamo nell’entroterra della Riviera Adriatica per raggiungere Verucchio, un borgo perfetto per passare una giornata alternativa al mare di Cattolica e approfondire la storia del nostro territorio.
Nota come la ‘’culla della Malatesta’’, il paese mantiene ancora tutti gli elementi risalenti all’epoca medievale tra archi, san pietrini e lampioni. Per visitarlo basta passeggiare per le piccole vie, piazzette e qualche salita del centro storico e imbattersi negli splendidi scorci su tutta la vallata circostante. Da non perdere assolutamente è la suggestiva Rocca Malatestiana, o Rocca del Sasso, e residenza del famoso Mastin Vecchio, il capostipite del casato Malatesta.
Un’altra particolarità di Verucchio sono le necropoli villanoviano-etrusche. Scavi che hanno riportato alla luce ricchi corredi che rispecchiano la prosperità dell’aristocrazia di Verucchio all’epoca con bronzi, legni, ceramiche e ambra. La maggior parte dei reperti vengono custoditi nel Museo Civico Archeologico.
Una curiosità. Verucchio ha due emblemi, uno rappresentante una rosa canina, simbolo dei Malatesta, e una fibula d’ambra, che richiama al Museo Civico Archeologico.

 

Pubblicata il 11/02/2022

Torna alla pagina precedente